di

di

Zera Yisrael è una comunità di persone che vedono la religione e la tradizione come un patrimonio inestimabile che viene passato piacevolmente e senza coercizione, un collante tra le parti del popolo ebraico. Una tradizione piacevole, inclusiva e ampia che ispira significato e speranza per l'intera impresa sionista con il suo legame con la diaspora e coloro che cercano di unirsi al popolo ebraico.

Dopo circa 100 anni di sionismo e il compimento della visione dei profeti in azione da parte dei padri fondatori, il popolo d'Israele è a una svolta. Da un lato, stiamo vivendo l'età d'oro del nostro popolo negli aspetti economici, politici e culturali. D'altra parte, l'avversione alla religione e le grandi fratture nella società israeliana minacciano la nostra esistenza come popolo unito che risucchia il suo diritto di esistere dalla storia e dalla tradizione miracolosa del popolo ebraico. 

Nel corso dei secoli, la religione e le tradizioni hanno formato un ponte tra i membri della comunità ebraica e l'hanno preservata dalle difficoltà dell'esilio. Purtroppo nello Stato di Israele la religione è diventata un fattore di disturbo e di oppressione agli occhi di molte persone e sembra che si debba scegliere da che parte stare: democratico o Un ebreo, come se questi valori si trovassero in una contraddizione irrisolvibile.
Siamo i figli che hanno avuto il privilegio di godere del pronto che i fondatori hanno seminato con fatica, Abbiamo il dovere di far avanzare la loro visione E continuare a costruire la società esemplare che i nostri antenati e profeti hanno sognato per tutte le generazioni.

Siamo convinti che non troppo uniti Riconnetti le persone Alle sue radici e tradizione Piacevolmente e senza alcuna costrizione Religiosi e restituire il naturale affetto della gente alla loro tradizione e parola Collega le diverse parti delle persone Pur approfondendo l'identità e creando un senso di appartenenza e di destino comune: costruire uno stato e una società esemplare che realizzerà il suo destino tra la Porta delle Nazioni e una società i cui figli ne sono orgogliosi, come affermato: "Israele in cui voglio sii glorificato».

La maggioranza del pubblico ebraico è fondamentalmente religiosa, a favore di uno stato ebraico in tutti i suoi simboli, costumi e modi, non vuole la coercizione religiosa, ma d'altra parte non ama la sfida alla religione!
Paradossalmente, non c'è alcuna contraddizione tra l'identità ebraica e quella democratica dello Stato e viceversa. Al contrario, non c'è nazione senza Torah con la tradizione e la storia dei suoi antenati e non c'è Torah senza un popolo nel suo stato sovrano.

La nostra Torah è una Torah innocente che "restaura l'anima" e porta l'uomo e la società alla riconciliazione e non alla guerra o all'odio, Dio non voglia. Noi, che abbiamo ereditato la morale e la Torah dai più grandi saggi nelle antiche generazioni degli ebrei spagnoli, vediamo nella religione e nella tradizione dei nostri antenati Una proprietà costosa di Pez che si trasferisce piacevolmente e senza alcuna coercizione Che può essere il "collante" della società israeliana. Richiede leadership, coraggio, inclusione e innovazione nell'establishment religioso, ma ne siamo sicuriQuesto è l'ordine dell'ora e non c'è alcun ritardo Nel lavoro di riconciliazione Penn sarà in ritardo.

Siamo convinti che non troppo uniti Per riconnettere le persone alle loro radici e tradizioni in modo piacevole e senza alcuna coercizione Religiosi e ripristinare il naturale affetto delle persone alla loro tradizione eDa una parola per collegare le diverse parti delle persone Pur approfondendo l'identità e creando un senso di appartenenza e di destino comune: Costruire uno stato e un'azienda esemplare che soddisfi il suo scopo Tra la Porta delle Nazioni e una società i cui figli ne sono orgogliosi, come affermato: "Israele nel quale sarò glorificato".

E sebbene i lavori siano tanti, ci sembra l'ordine dell'ora e come detto: "Non devi finire il lavoro, né sei libero di cancellarlo".

The Jewish Golden Trail - Secondo l'insegnamento di Maimonide a rivolgersi al grande pubblico, che è interessato a mantenere uno stato ebraico nel proprio Paese ma non si arrende e non deve rinunciare in alcun modo alla democrazia.

Il popolo nel seme di Israele

Rabbi Chaim Amsalem

Il rabbino della fondazione e il capo della corte

Sig. Arie Toledano

Fondatore del fondo

Ron Tolidano

Direttore

i nostri partner

Siamo felici di collaborare con organizzazioni che condividono la nostra visione e lavorano per studiare la Torah con gentilezza e per promuovere lo Stato di Israele e l'unificazione del popolo.

World_Bnei_Akiva
logoEkhalEliahuiv (1) (1)
sem fronteras
sbu
logo_fjn1.jpg-juifs-noirs-1
logo-portoghesi
logo dell'intestazione
immagini

"E il rabbino Elazar disse: Il Santo, sia benedetto, non ha esiliato Israele e le nazioni, ma perché si aggiungessero ad esse." (Pesachim, pagina Paz)

Consiglio consultivo

Riceviamo grande sostegno e consultazioni con i migliori rabbini, studiosi e noti intellettuali di mondi e culture diverse che ci supportano e ci aiutano a collegare gli emarginati al popolo ebraico e alla Terra d'Israele.

Rabbi Eliyahu Abergel
Rabbino Marc D. Angel
prof. Sergio Della Pergola
prof. Zvi Zohar
prof. David Passig
prof. Aviad Hacohen
prof. Yossi Benarroch
Patricia TROJMAN
Didier Meir Long
Prof. Avi Sagi
prof. Avi Sagui

CONDIVIDI IL MONDO:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su google
Google+

Per favore inserisci la tua email

Per scaricare il file

Gilberto Venturas (Rabino Ventura)

prof. David Passig

prof. David Passig è un futurista, docente, consulente e autore di best seller specializzato in futuri tecnologici, sociali ed educativi. Ha conseguito un dottorato di ricerca laurea in Studi futuri presso l'Università del Minnesota, Twin Cities, USA. prof. Passig è professore associato presso la Bar-Ilan University (BIU), Ramat-Gan, Israele, in cui dirige il Graduate Program in Communication Technologies e il Virtual Reality Lab. prof. Passig ha svolto attività di consulenza per molte aziende e istituti del settore pubblico e privato. È presidente di uno dei suoi FutureCode Ltd., che sviluppa e utilizza kit di strumenti di metodi computerizzati Futures nei processi decisionali. È co-fondatore di ThinkZ, Ltd., che sviluppa tecnologie IoT. Ha svolto attività di consulenza in Israele, Asia, Europa Sud e Nord America. Ha servito come consigliere capo del Commissario per le generazioni future nel parlamento israeliano. Tra le sue numerose attività, è membro del Consiglio nazionale israeliano per la ricerca e lo sviluppo. I suoi libri più venduti sono: "The Future Code", "2048" e "Forcognito - The Future Mind". Ciascuno ha ricevuto l'ambito Gold Book Award di Israele www.thefuturecode.com.

Dopo aver inserito i tuoi dati, ti verrà inviato un invito via e-mail